IT | ENG

Videosorveglianza su IP

 

LA CONVERGENZA DELLE RETI

I pacchetti trasportati secondo il protocollo TCP/IP sono identici nella “forma” e si differenziano soltanto per il loro contenuto interno.

Gli switch ed i router coinvolti nel trasporto dell’informazione recapitano queste “buste” (che devono rispettare una certa regola di formattazione), ma non si interessano del loro contenuto!

 

VIDEOSORVEGLIANZA SU IP

2-1.png

I sistemi videosorveglianza su IP sono sistemi che permettono agli utenti di monitorare ambienti e registrare video attraverso una rete IP (LAN/Internet).
A differenza dei sistemi video analogici, i sistemi video IP utilizzano una rete dati per trasmettere le informazioni, anziché cavi dedicati tra i singoli punti.

Nelle applicazioni video di rete, i flussi video digitalizzati possono essere trasmessi in qualsiasi punto del mondo tramite una rete IP tradizionale o wireless.
Quindi, è possibile monitorare e registrare video da qualsiasi punto della rete.

 

VANTAGGI IMMEDIATI (rispetto al TVCC)

Risoluzione dell’immagine
Scegliendo la telecamera IP opportuna (mega pixel), la risoluzione dell’immagine è quattro volte superiore a quella offerta dalle migliori telecamere analogiche.

Flessibilità
I punti di monitoraggio sono facilmente riposizionabili ed è possibile creare una rete comune a diversi operatori (polizia, vigili del fuoco, protezione civile ecc.)

Monitoraggio remoto
E’ importante notare che non esiste più il concetto del luogo adibito al monitoraggio, che ora si effettua da un qualsiasi punto di accesso alla rete: sia alla singola telecamera, che a tutte o solo una parte di esse.

 

IP vs TVCC

3-1.png

 

IL SEGNALE VIDEO ANALOGICO

4.png

 

Viene fatta una prima “passata” sulle linee dispari dell’immagine

 

 

 

5.png

 

In un secondo istante vengono passate sullo schermo le linee pari

 

 

 

L’impressione finale è quella di un’immagine completa, ma è un inganno ottico

 

IL SEGNALE VIDEO ANALOGICO

6.png

Segnale INTERLACCIATO

L’immagine è composta da due gruppi di linee che si riferiscono a due istanti successivi.
Il fermo-immagine ne è una prova evidente.

 

 

7.png

Segnale PROGRESSIVO

Il segnale di tipo “progressivo” mostra tutte le linee contemporaneamente, eliminando l’effetto di frastagliatura del fermo immagine.

 

 

 

 

RISOLUZIONE VIDEO ANALOGICO

Formati più comuni nell’analogico

8-1.png

 

 

Segnale PAL (768 x 576)
576 linee orizzontali da 768 punti l’una

 

Europa

 

 

9-1.png

 

 

Segnale NTSC (704 x 480)
480 linee orizzontali da 704 punti l’una

 

 America

 

 

Misura della risoluzione nelle telecamere

10.png

 

 

TVL

TVL è definito come il numero di punti che la telecamera genera su ogni riga e conteggiati su una larghezza pari all’altezza dell’immagine.
Di fatto, nell’insieme, il TVL determina il numero di “linee” verticali dell’immagine. Sono proprio queste a determinare la sensazione visiva di maggiore o minore nitidezza, molto di più marcatamente di quelle orizzontali.

 

 

 

11.png

 

 

Valore massimo del TVL

TVL massimo per segnale PAL = 576 punti

Ne consegue che non è utile utilizzare telecamere analogiche con TVL > 576 , se il segnale di uscita dalla telecamera è un segnale PAL! Le linee verticali in più vengono scartate!

 

 

 

RISOLUZIONE VIDEO DIGITALE

Formati più comuni nel digitale

12-2.png

 

 

La risoluzione digitale (telecamere IP, monitor LCD…) si esprime con il numero di punti che stanno nel sensore immagine CMOS o CCD.
Il numero di punti del sensore NON è in relazione con la sua dimensione fisica. Però, a maggiore dimensione fisica corrisponde maggiore luminosità e minore disturbo.

13-2.png

 

CONFRONTO FRA FORMATI

 14-3.png

 

APPARATI PER LA VIDEOSORVEGLIANZA SU IP

15.png1) TELECAMERA IP
La videocamera IP è una videocamera digitale, che può essere connessa direttamente alla presa di rete RJ45, o lavorare in wireless.
È una telecamera analogica con video-server integrato, che si occupa della digitalizzazione, della compressione e dell’invio delle immagini.
Spesso è dotata di sensori allarme che consentono l’interazione della telecamera con dispositivi antiintrusione, sirene ecc.

2) SOFTWARE DI VIDEO SORVEGLIANZA
Il software di video sorveglianza si incarica di quanto segue:
• video registrazione
• visualizzazione live di una o più telecamere
• ricerca delle registrazioni e playback
• analisi logica del video (motion detection, occlusione, video loss ecc.)

16-2.png

N.B. Con le telecamere IP, NON C’È DVR !

 

VISUALIZZAZIONE

17.png

Via Web
Tramite Internet Explorer (o analoghi), digitando l’indirizzo IP della telecamera, si accede all’immagine live e a qualche parametro di settaggio.

Tramite il software
Tramite il software fornito con le telecamere è possibile monitorare, gestire e muovere più telecamere contemporaneamente (solitamente fino a 64).

18.png

Funzioni principali:
• programmazione delle registrazioni su base giornaliera / oraria / evento (motion detection)
• gestione di allarmi esterni
• movimento PTZ delle telecamere brandeggiabili

 

 

 

REGISTRAZIONE

La registrazione dei filmati necessita di un software di video sorveglianza SEMPRE ATTIVO

PC acceso, o NVR!

19-1.png

 

 

Back to the list