IT | ENG

CONDIZIONAMENTO, NOZIONI BASE E UTILI CONSIGLI

 

Lo scopo di un climatizzatore è quello di mantenere in un ambiente un clima confortevole.
Il comfort a cui siamo abituati è determinato dalla combinazione di 3 fattori: temperatura, umidità e distribuzione dell'aria.

Per questo motivo gli scopi principali di un climatizzatore sono:

  • il controllo della temperatura di un stanza (raffrescare / riscaldare)
  • il controllo dell'umidità di una stanza (deumidificare, umidificare)
  • l'ottimizzazione della portata d'aria (circolazione distribuzione)
  • la pulizia dell'aria (filtrazione)

Il climatizzatore è per lo più costituito da due parti, una che è posta all'interno dell'ambiente (evaporante) e una che è posta all'esterno all'aria aperta (condensante). Queste sono collegate tra loro da tubi di Rame, dove circola il Freon, e cavi elettrici. Gli elementi contenuti nella parte interna sono: uno scambiatore di calore e un ventilatore; quelli presenti nella parte esterna sono: un compressore, uno scambiatore di calore e un ventilatore. Un climatizzatore fisso funziona come un frigorifero: sottrae calore da un ambiente e lo trasferisce all'esterno tramite un condensatore. Il refrigerante contenuto nel circuito trasporta all'esterno il calore. Il compressore, contenuto nell'unità esterna, lo mette poi in circolazione, garantendo silenziosità nell'ambiente interno.

Se correttamente dimensionato, un climatizzatore fisso consuma poco. Per condizionare un locale di circa 20 mq., utilizza meno energia di un normale asciuga capelli. Inoltre assorbe corrente in continuazione ma è in grado di mantenere la temperatura impostata funzionando, al massimo, per la metà del tempo. Perciò, se un condizionatore - da catalogo - assorbe in un'ora 1 kW, in realtà lo consumerà solo in due o tre ore di funzionamento. È preferibile scegliere climatizzatori che utilizzano la tecnologia INVERTER, che adegua la potenza all'effettiva necessità e riduce i cicli di accensione e di spegnimento. Questo sistema consente una maggiore durata dell'apparecchio e un risparmio energetico superiore al 30%.

Come tutti gli elettrodomestici, anche i climatizzatori per legge devono presentare un’etichettatura energetica che ne indica la classe di efficienza: preferire sempre i prodotti di classe A+++ che è la migliore.

Scegliere prodotti di aziende iscritte ad Associazioni di Certificazione dei dati tecnici. Questa certificazione tutela il consumatore nella selezione dei climatizzatori in quanto garantisce che i dati in etichetta circa prestazioni di potenza refrigerante, caratteristiche ed efficienza energetica corrispondono a verità:  scegliere marche e prodotti conosciuti.

Marche sconosciute e climatizzatori a basso costo potrebbero essere costruiti con componentistica di bassa qualità e non garantire un adeguato servizio, assistenza e ricambi.

Controllare il Paese di provenienza del climatizzatore.

L'offerta asiatica a basso costo che ha ultimamente invaso il mercato è tecnologicamente e qualitativamente meno affidabile rispetto alle proposte di produttori che vantano una grande esperienza nel settore. Per ottenere il comfort migliore e risparmiare energia, è importante usare il climatizzatore in maniera corretta.

 

TEMPERATURA DEGLI AMBIENTI
La temperatura degli ambienti climatizzati deve essere compresa tra 25°C e 27°C. La differenza tra interno ed esterno non deve superare i 6°C. Il flusso d'aria non deve colpire direttamente le persone. Con i sensori di movimento, di cui alcuni climatizzatori sono dotati, il flusso d'aria viene orientato automaticamente. L'umidità relativa ideale deve essere compresa tra il 40% e il 60%.

In estate, a parità di temperatura interna, un livello di umidità più basso diminuisce la temperatura percepita. In inverno umidificare l'aria in un ambiente riscaldato evita quella sgradevole sensazione di secchezza.

Tenere sempre puliti i filtri dell'aria dell'unità interna. Alcuni fastidi respiratori che si attribuiscono ai climatizzatori sono in realtà dovuti a una scarsa pulizia dei filtri. Per la pulizia è sufficiente utilizzare acqua e sapone prima di mettere a riposo il climatizzatore.

È inoltre consigliabile schermare vetri e finestre esposti a sud e sud-ovest con tende, persiane o tapparelle. Le porte e le finestre, preferibilmente con doppi vetri, vanno sempre ben chiuse per evitare dispersioni termiche ed isolare l'ambiente climatizzato dagli altri locali. In questo modo si evita di far lavorare a pieno regime il sistema per compensare la differenza di temperatura tra gli ambienti e durante l'utilizzo del climatizzatore è consigliabile limitare l'uso di elettrodomestici ad alto consumo energetico (lavatrice, scaldabagno, lampade alogene, ecc.) e, specialmente durante le ore più calde, evitare l'accensione di apparecchi che producono calore come forno, lavastoviglie e ferro da stiro, verificare il corretto smaltimento dell'acqua di condensa e effettuare una regolare manutenzione dell'impianto ogni due/tre anni per il controllo del refrigerante e la sostituzione dei filtri.

 

CLASSIFICAZIONE
Si usa classificare i climatizzatori in base al tipo di applicazione, che può essere RESIDENZIALE (trattamenti aria per la casa e per i piccoli ambienti), o COMMERCIALE/INDUSTRIALE (per gli uffici, gli esercizi commerciali, i grandi spazi).

Condizionatori Monosplit
Le applicazioni monosplit consentono di collegare ad una unità esterna una sola unità interna.
Sono differenziate in base all'applicazione residenziale o commerciale/industriale:

  • nelle classiche versioni con SPLIT A PARETE, il cui elegante design si armonizza gradevolmente con qualsiasi arredamento
  • nelle versioni a SOFFITTO/PAVIMENTO, progettate per installazione a soffitto o a pavimento, dotati di eleganti unità interne che si adattano ad ogni ambiente, perfette sia per esigenze di condizionamento domestico che per piccole applicazioni commerciali
  • nelle versioni CANALIZZABILI, che permettono di nascondere l'unità interna attraverso opere di cartongesso, e vedere solo eleganti bocchette d'aria
  • nelle versioni PENSILI A SOFFITTO, CASSETTE PENSILI, PENSILI DA INCASSO, CANALIZZABILI DA CONTROSOFFITTO, UNITÀ A COLONNA, ideali per le applicazioni commerciali/industriali quindi per i negozi, le sale mostra, gli uffici, gli alberghi, i grandi spazi

Condizionatori Multisplit
Per quanto riguarda le APPLICAZIONI RESIDENZIALI, grazie ad un'unica unità esterna è possibile rinfrescare un'intera abitazione, un ufficio o un piccolo negozio. Il sistema multi consente di far funzionare più unità interne collegate ad un'unica unità esterna, riducendo così lo spazio e i costi di installazione. Le unità interne, che possono essere controllate autonomamente, non richiedono una obbligatoria installazione simultanea. Tutte le unità funzionano con la medesima modalità (raffreddamento o riscaldamento) e vengono azionate con un telecomando. Ne consegue una distribuzione uniforme dell'aria anche in ambienti molto grandi e della forma irregolare. Le unità esterne multi hanno un design elegante e robusto e possono essere facilmente collocate su un terrazzo, un tetto o contro una parete esterna. I compressori di nuova concezione offrono una grande affidabilità, un ciclo di vita superiore ed un basso consumo energetico, generato in particolare dal funzionamento a carico parziale delle macchine. Compressori controllati con inverter consentono una regolazione della capacità più precisa, grazie alla modulazione della frequenza d'alimentazione che ne determina l'aumento o la riduzione del numero di giri.

Impianti canalizzati
In alternativa al comune split a parete è possibile realizzare impianti di climatizzazione canalizzati, più estetici e performanti, che prevedono un’installazione a scomparsa, consentono di climatizzare più ambienti con un unico impianto e permettono di gestire singolarmente le temperature e i flussi d’aria dei vari locali. La distribuzione dell’aria nei vari ambienti è assicurata da una rete di canali e da diffusori montati nei punti individuati in fase di progetto; inoltre mediante l’applicazione di termostati e centraline elettroniche collegate a sistemi di bocchette motorizzate è possibile convogliare l’aria solo dove necessario, ottenendo una gestione individuale o globale dei locali climatizzati. Questo sistema, esteticamente molto meno invasivo dello split e facilmente inseribile in qualsiasi arredamento, consente di climatizzare più locali con notevole risparmio sui consumi poiché utilizza una potenza frigorifera complessiva inferiore, inoltre richiede manutenzione ridotta e semplificata, e offre grande affidabilità nel tempo. Rappresentano certamente la soluzione ideale per le abitazioni private e la più adatta per impieghi nel terziario e nell’industria; sono adatti, infatti, per essere montati in uffici e negozi di medie e grandi dimensioni, in aree commerciali ed industriali e ovunque ci sia la necessità di distribuire e trattare l’aria in maniera uniforme.

Per capire bene di cosa si tratta, prendiamo come esempio un condizionatore con lo split a parete: in questo caso c’è un motore esterno che alimenta un elemento interno a vista e da cui fuoriesce l’aria. I condizionatori canalizzabili, invece sono caratterizzati da veri condotti per la distribuzione dell’aria solitamente coperti dal controsoffitto e da contropareti. Nessun suo elemento è a vista, per cui soddisfa al massimo ogni esigenza di condizionamento e di rispetto dell’aspetto estetico di un ambiente. Il motore verrà posizionato esternamente o in un ambiente da cui possa trarre aria a sufficienza per il proprio funzionamento.

 

L’INSTALLAZIONE
I condizionatori canalizzati possono essere installati ovunque, in residence, esercizi commerciali, banche, studi, uffici e abitazioni; è consigliabile però montare il prodotto durante una fase di ristrutturazione o costruzione, ma anche una realizzazione successiva delle bocchette d’aria non richiede uno sforzo eccessivo.
In uffici e locali commerciali dotati di controsoffitti e contropareti infatti, le canalizzazioni vengono rapidamente incassate e collegate al condizionatore posto a sua volta all’interno dello stesso controsoffitto.
Per le abitazioni, dove è importante curare molto l’aspetto estetico, il condizionatore canalizzabile permette la realizzazione di tracce a parete assolutamente invisibili che garantiscono una distribuzione ottima dell’aria in tutti gli ambienti.

 

OTTIME CARATTERISTICHE
I condizionatori canalizzati hanno delle caratteristiche tecniche peculiari che si differenziano notevolmente dai normali split; tra queste spicca maggior portata d’aria, l’offerta di posizionare con grande flessibilità le canalizzazioni in tutti gli ambienti. Il motore del condizionatore è nascosto alla vista, sono disponibili modelli potenti con tecnologia inverter e a pompa di calore, sono silenziosi e spingono molto bene l’aria nelle canalizzazioni.

I condizionatori canalizzati permettono una diffusione omogenea dell’aria in tutti gli ambienti in cui sono state previste le canalizzazioni. Si tratta di una tipologia particolarmente adatta per uffici e locali ove c’è bisogno di uniformare e mantenere costante la temperatura.

La Comparazione è molto importante
Prima di scegliere un nuovo condizionatore valuta bene le caratteristiche di modelli e tipologie. Ti consigliamo di fare sempre una comparazione tra condizionatori, perché può aiutarti a conoscere i marchi e scegliere con oculatezza.
Per un’aria condizionata omogenea e silenziosa valuta i condizionatori A SOFFITTO.
La massima semplicità nell’installazione è garantita dai condizionatori A PARETE.
I condizionatori A PAVIMENTO sono per un condizionamento discreto e pratico.