IT | ENG

Imparare ad essere più efficienti

L’energia è un bene indispensabile, ma anche costoso. Ogni anno nell’Unione Europea vengono consumati complessivamente circa 1.725 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio), pari ad una spesa di oltre 500 miliardi di euro. 

Ciò nonostante, un’ingente parte dell’energia prodotta viene sprecata, in virtù dell’utilizzo di tecnologie non efficienti o di pratiche di consumo poco economiche.

In questa prospettiva è di particolare importanza il ruolo del cittadino/consumatore nei suoi comportamenti e nelle sue scelte quotidiane.

Fare efficienza energetica è quindi un’opzione irrinunciabile, che rappresenta vantaggi per tutti:

per il cliente, che ottiene un risparmio economico in bolletta;

per il pianeta, che giova di un minor inquinamento ambientale.

Occorre imparare ad essere più efficienti ovvero, a parità di servizi offerti, a far meglio e di più, utilizzando meno energia.

ACMEI propone ai propri clienti la migliore soluzione dal punto di vista del risparmio e dell’efficienza energetica, perseguendo, grazie alle più evolute tecnologie presenti sul mercato, obiettivi di ottimizzazione dei consumi energetici.

  • Illuminazione Illuminazione

    ILLUMINAZIONE

    L’illuminazione è l’applicazione elettrica più diffusa nel settore domestico e costituisce poco più del 10% del consumo di energia elettrica in una casa.

    Una tradizionale lampada ad incandescenza trasforma in luce solamente il 5% dell’energia che consuma. Questo ha comportato da parte dei paesi dell’UE l’eliminazione dal mercato di queste lampade dal settembre 2012.

    Il sistema più vantaggioso ed efficiente per sostituire le lampade ad incandescenza è rappresentato dalle lampade a led, che riducono il consumo di energia fino all’85% e hanno un tempo di vita che può arrivare fino a 100.000 ore, contro le 1.000 di una lampadina ad incandescenza e le 10.000 di una lampada a fluorescenza.

     

    I nostri partner commerciali dispongono di una delle più vaste gamme di prodotti pronti a soddisfare ogni vostra esigenza. Le lampade a led permettono di valorizzare gli ambienti, di creare molteplici scenografie e soluzioni personalizzabili ottenendo allo stesso tempo molteplici vantaggi a confronto dei sistemi di illuminazione tradizionale:

    • maggiore efficienza
    • lunga durata
    • minor costi di manutenzione
    • flessibilità di installazione
    • accensione rapida
    • luce priva di radiazioni IR o UV
    • assenza di sfarfallio
    • assenza di mercurio
    • elegante design

    Lampade, faretti e tubi di tutte le tipologie, luminosità e gradazione di colore sono in commercio.

    Le sorgenti luminose non rientrano nel bonus mobili che prevede invece uno sgravio Irpef del 50% per gli apparecchi di illuminazione costituenti necessari completamenti all’arredo dell’immobile che è oggetto della ristrutturazione (quindi lampadari, applique, lampade per interni ed esterni di qualsiasi tipo…)

     

    Dispositivi di controllo per illuminazione

    Sono presenti in commercio diversi sistemi in grado di razionalizzare ed ottimizzare l’utilizzo delle sorgenti luminose in base alle reali necessità.

    Esistono dei sistemi crepuscolari in grado di consentire l’attivazione dell’illuminazione solo in condizioni di luce diffusa, che consentono un utilizzo più razionale degli impianti rispetto a quanto è possibile ottenere con un temporizzatore.

    In commercio sono presenti dei sensori di posizione che consentono l’accensione degli apparecchi illuminanti solo in caso di “presenza”, gli stessi possono sfruttare tecnologie Wi-Fi per la trasmissione dell’input di accensione al quadro elettrico.

    L’installazione combinata di un sensore di rilevazione di presenza con un regolatore di flusso luminoso consente di avere dei risparmi anche del 20%.

    Per maggiori informazioni su come risparmiare sulla tua bolletta rivolgiti ai nostri consulenti al nr 080/5495440.

    Visita il sito www.acmei.it/it/luce

  • FOTOVOLTAICO FOTOVOLTAICO

    IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON ACCUMULO DI ENERGIA

    Impianti  per alimentare a energia solare le utenze elettriche presenti in casa, in ufficio o in azienda, quali luci, TV, frigo, PC, stampante, elettrodomestici, ecc...
    I pannelli possono essere montati su tetto, balcone, terrazzo.

    I sistemi per accumulare l’energia prodotta dagli impianti fotovoltaici stanno riscuotendo sempre maggiore interesse, perché offrono alle persone una possibilità straordinaria: diventare quasi indipendenti dalla fornitura di energia elettrica.

    Le batterie di accumulo utilizzate negli impianti fotovoltaici permettono di immagazzinare l’energia prodotta in eccesso dal fotovoltaico per poterla riutilizzare nei momenti in cui l’impianto non produce energia (es. di notte).

    Tutte queste soluzioni sono detraibili dall'IRPEF al 50% fino al 31/12/2016

    Come scelgo l'impianto che fa al caso mio?
    La scelta prevede innanzitutto la conoscenza del proprio consumo elettrico, e qui entrano in gioco concetti quali kW (kiloWatt) e kWh (kiloWattora). Siamo naturalmente a disposizione per chiarimenti e consulenza gratuita.

    Visita il sito www.acmei.it/it/energie-rinnovabili

  • DOMOTICA DOMOTICA

    IMPIANTI DOMOTICI

    La domotica in ambito residenziale è utilizzata soprattutto per la gestione della climatizzazione e dell’impianto elettrico. 

    Le funzionalità che possono essere automatizzate attraverso l’impiego di un sistema domotico si possono distinguere nelle seguenti categorie:

    • gestione climatizzazione: dove il funzionamento automatico degli impianti in base al riconoscimento della presenza di persone permette di regolare la temperatura, la velocità e l’umidità relativa dell’aria; adeguare il funzionamento dell’impianto in base ai valori di umidità e CO₂; spegnere in automatico i terminali se le finestre sono aperte; tenere la contabilità energetica.
    • gestione e controllo dei carichi: fanno parte di questa categoria tutti gli elettrodomestici cosiddetti “bianchi” ovvero frigoriferi, forni, lavatrici, lavastoviglie, scaldabagni, ecc; per ogni carico è possibile oltre alla gestione e la diagnosi manutentiva anche il controllo a distanza;
      gestione ambientale: dove  per l’illuminazione è possibile regolare l’intensità luminosa artificiale negli ambienti interni in funzione della luce naturale alzando o abbassando tapparelle o tende esterne, oppure è possibile regolare l’intensità luminosa di un punto luce in funzione di un evento come l’accensione del televisore;

    La Legge di Stabilità 2016 estende l'incentivo anche alle spese sostenute per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di “dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda e climatizzazione nelle unità abitative”.

    Visita il sito www.acmei.it/it/domotica

  • IMPIANTI TERMICI IMPIANTI TERMICI

    IMPIANTI TERMICI

    Per far funzionare gli impianti di riscaldamento e raffrescamento e per produrre acqua calda sanitaria usiamo oltre l’80% dell’energia che consumiamo ogni anno nelle nostre case.

    Questa percentuale può aumentare o diminuire di molto in funzione della zona climatica di appartenenza e di scelte personali come le ore di accensione, la temperatura che si mantiene nei locali e la tipologia di impianto che abbiamo installato. 

    Ma una precisa regolazione e una corretta manutenzione consentono di ridurre sensibilmente i consumi di questi impianti e con essi anche la spesa che sosteniamo per farli funzionare. E non solo.  Un impianto ben tenuto è più sicuro e inquina di meno, perché emette nell’atmosfera una minore quantità di gas che hanno effetti negativi sull’ambiente e sulla nostra salute.

    Per far sì che vi sia l’impegno di tutti, esiste da anni nel nostro Paese una normativa - in continua evoluzione per adeguarsi alle direttive dell’Unione Europea e alla disponibilità di tecnologie sempre più efficienti che regola l’esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici.

     

    QUALI SONO LE NUOVE TECNOLOGIE CHE SI POSSONO ADOTTARE?

    Caldaie a condensazione
    Le caldaie a condensazione sono l’ultima innovazione tecnologica nell’ambito delle caldaie; si differenziano dalle più classiche per il loro maggiore rendimento a parità di combustibile utilizzato. Riescono in questa impresa recuperando e sfruttando il calore dei fumi di scarico creati durante la combustione e che vengono espulsi nelle tradizionali caldaie al fine di evitare fenomeni di condensa e quindi di corrosione all’interno dell’apparecchiatura. È possibile affermare che la sola caldaia a condensazione, a monte di un impianto di riscaldamento con dei radiatori tradizionali, permette risparmi intorno al 25% sui costi correnti.
    Gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione sono detraibili nella misura del 65% l’intervento deve configurarsi come sostituzione totale o parziale del vecchio generatore termico e non come nuova installazione.SS


    Scaldacqua a pompa di calore
    Lo scaldacqua a pompa di calore rappresenta una soluzione ad alta efficienza per la produzione di acqua calda sanitaria. sono quindi un’evoluzione ecologica degli scaldacqua tradizionali, permettendo di risparmiare fino al 70% dei consumi elettrici.Rappresentano la soluzione ideale per palestre, agriturismi, piccole attività commerciali che utilizzano una grande quantità d’acqua (parrucchieri, ristoranti, bar); ideali sia per nuove installazioni che per la sostituzione dei vecchi scaldabagni elettrici o a gas. Interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, sono detraibili nella misura del 65%


    Pannelli solari
    Gli impianti solari sono ideali per la produzione di acqua calda sanitari e per l'integrazione del riscaldamento. Grazie all'energia solare gratuita e il risparmio del combustibile, è possibile rientrare dei costi dell'investimento iniziale in pochi anni.
    Gli impianti solari permettono di utilizzare l'energia solare per l'acqua calda e il riscaldamento degli ambienti. Ciò permette un abbassamento dei consumi di gasolio o di gas: per la produzione di acqua calda per esigenze quotidiane si arriva ad un taglio del 60% dei consumi. Abbinando il sistema di produzione di acqua calda sanitaria con l'impianto di riscaldamento, è possibile raggiungere un risparmio fino al 35% del fabbisogno energetico totale. 


    Climatizzatori
    I climatizzatori di solito integrano gli impianti di riscaldamento tradizionali e, in zone con inverni miti, possono anche sostituirli.
    Sono disponibili in una vasta gamma di modelli che differiscono per potenza, consumi e principio di funzionamento. Possono essere mobili o fissi e, per entrambi, troviamo la versione monoblocco o split, con o senza tecnologia Inverter .
    Per orientarvi nella scelta del modello più adatto a soddisfare le diverse esigenze e per ridurre al minimo i consumi di energia di questo elettrodomestico, consigliamo di affidarsi a un nostro tecnico specializzato che saprà indicare la soluzione migliore. 

    Curiosità
    L'acquisto di un condizionatore di classe energetica alta, A+, A++e A+++,  comporta sì una maggiore spesa iniziale, ma anche in un risparmio sulla bolletta elettrica e una riduzione delle emissioni di CO2.
    Ad esempio, l'acquisto di un condizionatore di efficienza energetica classe A rispetto a uno di classe C permette di risparmiare circa il 30% annuo sui consumi di elettricità e quindi di ridurre del 30% anche le emissioni di CO2.
    I minori consumi di energia elettrica di un modello classe A rispetto a un modello classe C fanno recuperare il maggior costo iniziale in circa tre anni.


    Pompe di calore per acqua calda sanitaria e climatizzazione/riscaldamento
    È una macchina che produce energia termica sfruttando sorgenti esterne, come aria, acqua o suolo. L’energia prodotta può essere utilizzata per riscaldare, raffrescare e per produrre acqua calda.
    La pompa di calore è un sistema estremamente flessibile e perciò adatto alle varie esigenze abitative. Grazie ad esso puoi sostituire la vecchia caldaia e con un’unica macchina riscaldare e raffrescare la tua casa; puoi usarla per produrre acqua calda sanitaria in maniera ecologica, economica ed efficiente.
    Gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza sono incentivati dallo stato; l’intervento deve configurarsi però come sostituzione integrale o parziale del vecchio impianto termico e non come nuova installazione.

     

    APPROFITTA DELLE DETRAZIONI E DEGLI INCENTIVI FISCALI

    Diverse le agevolazioni di cui poter beneficiare:

    • bonus mobili, che consiste in una detrazione del 50%;
    • detrazioni del 65% per gli interventi di efficienza energetica, note anche come "ecobonus" o il conto termico.

     

    Visita il sito www.acmei.it/it/clima